Facebook sperimenta il tasto ‘Lo voglio’

Pubblicato: 10 ottobre 2012 in Articoli, Innovazione, Marketing, Web

want-720×540

Un salto nell’ e-commerce e uno sgambetto a Pinterest con una mossa sola. È quello che Facebook sta cercando di fare con Collections, il nuovo servizio per i brand sul social network. Questa la nuova proposta agli utenti per creare delle liste dei desideri, o meglio dei collage, con le immagini dei loro vestiti preferiti, utensili per la casa, profumi o quant’altro e, attraverso le immagini, arrivare (o far arrivare amici in cerca di un regalo perfetto) al negozio online dove comprarle. Il servizio, appena lanciato, è ancora in una fase di test, spiega TechCrunch, è disponibile solo negli Usa e, per ora, riguarda un selezionato gruppo di aziende.

“Abbiamo visto che alcune aziende spesso usano le pagine per condividere informazioni rispetto ai propri prodotti attraverso album fotografici. Oggi stiamo cominciando un piccolo test nel quale pochi selezionati brand potranno condividere informazioni sui loro prodotti attraverso un nuovo servizio chiamato Collections”, ha spiegato ieri un portavoce dell’azienda: “Le persone potranno interagire con queste raccolte, condividere i prodotti a cui sono interessati con i propri amici e poi, magari, cliccare sulle immagini e comprare i prodotti al di fuori di Facebook”.

Ecco come funziona. Un brand può pubblicare sulla propria pagina un cosiddetto Collection post, ovvero un’immagine che presenta uno di questi tre bottoni:  Want, Collect o Like (diverso dal mi piace che tutti conosciamo). Questo post compare solo sulla home di Facebook dei fan della pagina del marchio, che possono cliccare sul bottone e spiegare in un box perché apprezzano o desiderano questo oggetto.

Il bottone Want (Lo voglio) aggiungerà l’immagine di questo prodotto a una sezione del diario dell’utente, chiamata Wishlist (Lista dei desideri), visibile agli amici e agli amici degli amici; Collect (Raccogli) la salva invece in una raccolta chiamata Products visibile solo agli amici; Like salverà anch’esso in Products, ma in questo caso il collage di foto è visibile anche agli amici degli amici. Le liste/collage sono navigabili e, attraverso un altro bottone Buy (Compra) reindirizzano direttamente al negozio online (fuori da Facebook) dove comprare l’oggetto del desiderio, per sé o per altri.

Per ora Facebook sperimenterà contemporaneamente tutti e tre i bottoni, proponendo ciascuno a un terzo del suo bacino di utenti statunitense. Poi sceglierà quello che avrà generato una maggiore risposta e un maggiore traffico sui siti di negozi online relativi a ciascun prodotto. Per ora Mark Zuckerberg ha deciso di non far pagare i post speciali di Collections e di non richiedere una percentuale sulle vendite o un bonus per ogni tot visite ricevute dai negozi online dei diversi brand. Facebook intende monetizzare il servizio in altro modo. I Collection posts appaiono solo sulle homepage dei fan di un brand. Questo significa che se un marchio o un’azienda vogliono incrementare il numero di raccoglitori e di Liste dei desideri, devono aumentare  il loro bacino di fan. Come? Comprando Facebook ads specificamente disegnate con questo scopo.

Certo, Collections non è ancora in grado di allontanare lo zoccolo duro di Pinterest, spiega Josh Constineanche perché può sostituirlo solo in una minima parte. Tuttavia, se ben sviluppato, potrebbe evolversi nello strumento perfetto per quei marchi e quegli utenti che non vedono la necessità di iscriversi a ogni nuovo social network che spunta sotto il Sole.

Fonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...