I nuovi stili della comunicazione spengono le emozioni?

Pubblicato: 20 luglio 2012 in Articoli, Cambiamento, Comunicazione, Società, Statistiche, Web

20120719_web-italia.jpeg

Stare attaccati al cellulare, chiacchierare in chat o collegarsi a un social network migliora la qualità della comunicazione? La risposta, per gli italiani è: sì. Solo i rapporti di coppia e quelli familiari resistono all’invasione delle comunicazioni digitali. Per la maggior parte degli adulti, i nuovi strumenti permettono di comunicare meglio.

E’ quanto emerge dallo studio Eures “Comunicazione digitale – i nuovi stili della comunicazione”, secondo cui ogni giorno gli italiani passano in media due ore al telefonino, in chat o sui social network e la maggior parte (58,3%) considera queste attività utili per esprimersi meglio, grazie alla possibilità di avere riscontri immediati (83,7%) e per la maggiore continuità delle comunicazioni (36%).

Il saldo, tuttavia, non è per tutti positivo: c’è anche chi ritiene che la miriade di nuovi strumenti digitali diminuisca la qualità della comunicazione perchè limita la partecipazione emotiva (54,3%), la possibilità di interagire (37,2%) e la spontaneità (22,5%) ed aumenta il rischio di malintesi.

Tra gli elementi negativi, il 19,4% degli intervistati cita anche i rischi per la privacy.

E’ innegabile, tuttavia, la passione degli italiani per le comunicazioni digitali: sempre secondo lo studio Eures – basato lo studio sulle risposte di 618 adulti – ciascun intervistato sta al telefono circa un’ora al giorno (le donne si confermano più loquaci, con 67 minuti contro i 61 degli uomini); più o meno mezz’ora la si trascorre collegati al proprio profilo su un social network (anche qui le donne battono gli uomini 42 minuti contro 31) e circa 25 minuti a chiacchierare in chat.

I social network, in particolare, sono considerati utili per coltivare le amicizie e confrontarsi su questioni di attualità, politica e cultura. Per il 18.9% del campione sono diventati lo strumento abituale per tenersi aggiornati sugli amici (26.2% nella fascia 18-39 anni), mentre per un altro 15.1% costituiscono il canale principale per confrontarsi su attualità, politica e cultura (18.1% tra gli under 39). E 1 giovane su 5 tra quelli intervistati si forma politicamente proprio sulle reti sociali come Facebook e Twitter.

Nonostante tutto questo proliferare di nuovi strumenti, resistono ancora gli sms – gli intervistati affermano di inviarne in media 16 al giorno – e le email (20 al giorno). Queste ultime si confermano lo strumento privilegiato in ambito lavorativo per gestire il curriculum vitae (86,4%), i preventivi (78,2%), le attività promozionali (72,8%) e l’organizzazione interna (73,8%).

Tra gli aspetti della vita quotidiana in cui invece (per fortuna) la comunicazione faccia a faccia, resistono i rapporti di coppia – anche se per il 35% degli intervistati vengono gestiti anche attraverso il telefono, gli sms (16,2%) e le e-mail (7,6%) e quelli familiari, dove i nuovi strumenti non attecchiscono facilmente.

Fonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...