Se non paghi, il prodotto sei tu

Pubblicato: 11 luglio 2012 in Articoli, Curiosità, Marketing, Tecnologia, Web

googleplusproject.png

Se non paghi per utilizzarlo, significa che il prodotto sei tu. Questo aforisma, spesso citato online, si applica particolarmente bene a tutti i servizi utilizzati sul web e per cui l’utente non paga alcun costo: motori di ricerca, hosting per il proprio blog, email e, negli ultimi tempi, social network e app. Facebook, Instagram, Twitter, Linkedin e Foursquare, solo per citare alcuni nomi,  sono ormai aziende dal valore miliardario, e non passa settimana senza che un nuovo sito simile non riceva valutazioni stellari dal mercato o dai venture capitalist, anche se offre servizi completamente gratuiti al suo pubblico.

Se esiste il rischio che certe valutazioni siano esagerate, tanto da rievocare il terrore per la bolla speculativa di inizio millennio, è anche vero che i parametri utilizzati per stabilire il valore di questi siti sono vari: diffusione geografica, brevetti registrati, tempo che l’utente spende sul sito, la sua disponibilità a cliccare su pubblicità o a pagare per contenuti aggiuntivi e molti altri.

Il fattore che più di tutti può essere definito l'”asset” principale di un social network, l’elemento che ne determina successi e fallimenti, è però il numero di utenti che lo usano. E se alla fine è l’utente la vera ricchezza, allora si può anche provare a scoprire quanto vale lui per un social network. Ed è quello che abbiamo voluto sperimentare con questo tool, in cui basta selezionare i social network a cui si è iscritti per scoprire il proprio “valore sociale” in rete.

Come viene calcolato il costo? Per scoprire il valore di un singolo utente per un social network o una app abbiamo preso il suo valore di mercato più recente e lo abbiamo diviso per il numero di utenti dichiarati nel momento di quella valutazione. Ad esempio Instagram registrava circa 30 milioni di iscritti al momento della sua acquisizione per un miliardo di dollari da parte di Facebook, quindi ogni suo utente è stato “pagato” 33 dollari.

I dati sono aggiornati? I dati sono costantemente aggiornati in base alle valutazioni disponibili. La capitalizzazione di società quotate in borsa come LinkedIn, e presto Facebook, permette di conoscere ogni giorno il valore di queste società. Per gli altri siti si ricorre invece alle valutazioni dei venture capitalist al momento della raccolta di nuovi fondi o al costo pagato per un’acquisizione, e per questo motivo le valutazioni possono riferirsi a mesi (o anni) precedenti.

Davvero valiamo così tanto? Come detto in precedenza, questo tool non pretende di rivelare verità assolute, in quanto i fattori alla base del valore di un social network sono numerosi (non solo i suoi iscritti) e anche gli utenti non sono tutti uguali: un americano “vale” più di un italiano, un utente da iPhone vale più di uno da pc. Con questo esperimento, provocatorio ma accurato, abbiamo voluto concentrarsi su un aspetto spesso sottovalutato: il valore dell’utente come materia prima. Una materia prima per cui non esistono valutazioni “ufficiali” e che abbiamo quindi voluto scoprire.

Perché mancano alcuni social network? La selezione dei siti è stata curata preoccupandosi di includere quelli più utilizzati nel nostro paese o nel mondo occidentale. La mancanza più significativa in questa lista è Google plus: trattandosi di un prodotto “collaterale” di un’azienda che ha il proprio focus su altro, il calcolo usato per le altre società non era applicabile a Google. Il valore del gigante di Mountain View è infatti solo in minima parte collegato al suo social network.

di MAURO MUNAFO’

Fonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...