TROVARE LAVORO CON 6 DOLLARI

Pubblicato: 18 luglio 2011 in Articoli, Cambiamento, Creatività, Mercato del lavoro

 Alec Brownstein ha conquistato il posto di lavoro comprando alcuni spazi pubblicitari su Google
Le pubblicità erano indirizzate ai potenziali nuovi datori di lavoro intenti a cercarsi sul motore di ricerca

Alec Brownstein voleva a tutti i costi lavorare in una grande agenzia pubblicitaria e grazie a una buona dose di creatività ha centrato il suo obiettivo. Copywriter, 28 anni di età, Alec la scorsa estate iniziò a guardarsi intorno per trovare un posto nel campo pubblicitario senza ottenere però grandi risultati. Seduto davanti al computer, il copy passava le giornate a cercare su Google le informazioni sui propri pubblicitari preferiti nella speranza di entrare in contatto con loro, ma niente da fare: attirare la loro attenzione verso un perfetto sconosciuto sembrava impossibile.

Navigando su Google, Alec si accorse però che nelle pagine dei risultati delle ricerche sui pubblicitari non compariva alcun annuncio a pagamento contestuale. In pratica, nessuno aveva sfruttato i nomi e i cognomi dei creativi ricercati da Alec per fare pubblicità sul motore di ricerca. Il giovane copy decise così di acquistare come chiave di ricerca per gli annunci su Google i nominativi dei pubblicitari cui mirava per un lavoro, racconta Mashable.

“Tutti cercano loro stessi su Google” spiega Brownstein. “Anche se non lo ammettono. Ho voluto entrare dentro a quel momento segreto ed egoistico in cui i creativi che ammiro sono maggiormente vulnerabili”.

Con appena 15 centesimi di dollaro per chiave di ricerca, Alec ha ottenuto la prima posizione nelle pagine dei risultati di Google frutto delle ricerche sul nome e cognome dei creativi cui era interessato. L’annuncio pubblicitario che veniva visualizzato era: «Hey, [nome del creativo]: Googlarsi è molto divertente. Anche assumermi sarebbe divertente». Il messaggio conteneva anche un link che rimandava verso lo spazio online personale del copywriter.

Dopo qualche mese, Alec ha iniziato a ricevere le prime telefonate dai creativi che aveva selezionato e che si erano ritrovati l’annuncio pubblicitario su Google mentre erano intenti a raccogliere informazioni su loro stessi online. I primi contatti si sono poi trasformati in due offerte di lavoro da parte di altrettante agenzie pubblicitarie.

Con appena 6 dollari di spesa e una valida intuizione, Brownstein ha conquistato il lavoro che desiderava. Per la sua inventiva, il copy ha anche conquistato un premio al The One Show e un riconoscimento a The Clios, due dei più importanti premi per la pubblicità.

Alec ha deciso di condividere e rendere nota la propria esperienza anche attraverso un video online, per chi in cerca di lavoro volesse imitarlo.

Fonte

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...